Amundi amplia la propria offerta sul clima con due nuovi fondi aperti di CPR AM

Amundi amplia la propria offerta sul clima con due nuovi fondi aperti di CPR AM

Milano, Italia,

Amundi, primo asset manager europeo, amplia la propria gamma di soluzioni di investimento dedicate a contrastare il cambiamento climatico con il lancio di due nuovi fondi di CPR AM, società del gruppo Amundi specializzata negli investimenti azionari tematici:

 

Milano, 7 giugno 2021 – Amundi, primo asset manager europeo[1], amplia la propria gamma di soluzioni di investimento dedicate a contrastare il cambiamento climatico con il lancio di due nuovi fondi di CPR AM, società del gruppo Amundi specializzata negli investimenti azionari tematici:

  • CPR Invest – Climate Action Euro, un fondo aperto azionario che investe in Eurozona;
  • CPR Invest – Climate Bonds Euro[2], un fondo aperto obbligazionario denominato in Euro.

Questi fondi utilizzano la metodologia di valutazione di CDP[3] per selezionare le aziende operative in diversi settori ed impegnate a limitare il loro impatto sul cambiamento climatico. Dopo aver inizialmente collaborato con CDP nel 2018 per il lancio del fondo azionario internazionale CPR Invest - Climate Action, CPR AM sta ora mettendo a punto con CDP una gamma di soluzioni in tutte le principali classi di attivo, rivolte ai clienti che desiderano gestire i rischi connessi al clima nei loro portafogli di investimento e contribuire al finanziamento della transizione ambientale.

Nei rispettivi universi di investimento, CPR Invest - Climate Action Euro e CPR Invest - Climate Bonds Euro utilizzano la metodologia di decarbonizzazione implementata nel 2018 nel fondo CPR Invest - Climate Action e in seguito anche in altri due fondi - un fondo diversificato e un fondo azionario internazionale - lanciati nel 2020 attraverso la rete bancaria LCL in Francia. CPR AM offre dunque una gamma di fondi aperti con la stessa filosofia di investimento legata al clima per le principali asset class: azioni, obbligazioni e, in Francia, bilanciati.

La metodologia si basa principalmente sulla decisione di non escludere a priori alcun settore, dato che ogni sforzo è importante. L'obiettivo è finanziare tutte le parti che contribuiscono alla lotta contro il riscaldamento globale, compresi i principali emittenti di anidride carbonica che, ripensando il loro modello, possono influire in modo significativo sull'aumento delle temperature globali con l’obiettivo di limitarlo.

Viene inoltre incorporata la metodologia di valutazione di CDP[4] che assegna alle aziende un punteggio in una scala da A a D, in base alla loro trasparenza e alle azioni intraprese per affrontare il cambiamento climatico. I fondi sul clima di CPR AM detengono solo aziende con rating A e B, ossia le più avanzate in questo ambito. In portafoglio possono essere incluse anche aziende classificate C da CDP, a patto che abbiano un obiettivo di riduzione delle emissioni scientificamente approvato in conformità con l'Accordo di Parigi (un obiettivo fondato su evidenze scientifiche)[5]. La selezione di CDP consente quindi ai team di gestione di avere un universo di investimento che riunisce le aziende più rispettose del clima.

Oltre ai punteggi CDP, vengono presi in considerazione i criteri ESG e gli indicatori del rischio di controversie per costruire portafogli che soddisfino il triplice obiettivo di performance finanziaria, controllo rigoroso dei rischi extra-finanziari e decarbonizzazione.

CPR Invest – Climate Action Euro è un fondo azionario che investe in tutti i settori nell’Eurozona. La definizione del suo universo d’investimento ammissibile esclude[6] il 36% dell'universo iniziale (società dell'indice MSCI EMU oggetto di valutazione da parte di CDP). Il fondo è gestito da Alexandre Blein, membro del team Azionario Tematico di CPR AM, che gestisce anche il primo fondo Climate Action fin dal suo lancio nel 2018.

CPR Invest – Climate Bonds Euro è un fondo obbligazionario Investment Grade denominato in Euro che investe in tutti i settori e paesi OCSE, in obbligazioni di diverse scadenze e seniority, finalizzato al finanziamento di società che si distinguono per i loro sforzi di decarbonizzazione in tutto lo spettro creditizio, oltre il solo mercato dei green bond. La definizione dell’universo d’investimento ammissibile esclude5 il 35% dell'universo iniziale (emissioni di debito privato denominate in euro, da IG a BB). Il fondo investe anche nel segmento BB come opportunità di diversificazione e di ulteriore rendimento senza superare i limiti di rischio o sacrificare le performance ambientali. È gestito da Antoine Petit, Credit Manager di CPR AM, e da Julien Levy, Head of Treasury and Credit Solutions di CPR AM.

CPR AM renderà disponibili su base mensile e annuale i report di impatto dei fondi, che consentiranno agli investitori di seguire l'evoluzione di diversi indicatori chiave (come l'impronta[7] e l'intensità[8] di carbonio del portafoglio) e quindi determinare concretamente il contributo dei loro investimenti alla lotta contro il cambiamento climatico.

Entrambi i fondi sono disponibili all’interno di CPR Invest, una SICAV (società di investimento a capitale variabile) lussemburghese, e sono attualmente registrati in Francia, Belgio, Svizzera, Germania, Austria, Spagna, Finlandia, Italia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Regno Unito e Svezia.

Paolo Proli, Head of Retail Division di Amundi SGR, ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di ampliare la gamma di fondi legati al clima a disposizione della clientela italiana, con queste soluzioni di investimento innovative lanciate da CPR AM grazie alla partnership con CDP. Questi nuovi fondi si avvantaggiano di una metodologia di valutazione solida che ci consente di rispondere in modo credibile alla crescente domanda di investimenti decarbonizzati. Ancora una volta dimostriamo di essere sulla frontiera dell’innovazione, anche nell’ambito degli investimenti sostenibili e i nostri clienti possono accedere ora a ulteriori soluzioni di investimento che mirano a contribuire al raggiungimento dell’obiettivo fissato dagli accordi di Parigi”.

Laurent Babikian, Director Capital Markets di CDP Europe, ha commentato: "Siamo lieti che l'enorme successo del fondo CPR Invest - Climate Action si stia ampliando per offrire ulteriori opportunità di investimento nelle aziende con le migliori performance climatiche. Gli investitori devono urgentemente agire in modo più concreto e di impatto per allineare i loro portafogli a un mondo che contenga le emissioni entro il limite di un aumento della temperatura a 1,5°C. Questi investimenti - basati sui migliori punteggi CDP e su obiettivi fondati su evidenze scientifiche - portano sul mercato soluzioni di investimento per la crisi climatica più credibili, basate sui migliori dati disponibili. Contribuiranno a finanziare la transizione verso un'economia a emissioni zero."

Ulteriore documentazione disponibile in inglese:

  • Scarica qui il CPR Invest – Climate Action Fund annual impact report.
  • Leggi qui il documento "My Climate Partner, Climate solutions to guide everyone's transition".
  • Scopri qui la sezione "Climate Solutions" del sito di CPR AM.

Footnotes

 

  1. ^ [1] Fonte: IPE “Top 500 Asset Managers” pubblicato a giugno 2020, sulla base delle masse in gestione al 31/12/2019
  2. ^ [2] Fondo attualmente disponibile per la sola clientela professionale.
  3. ^ [3] Precedentemente denominata Carbon Disclosure Project.
  4. ^ [4] https://6fefcbb86e61af1b2fc4-c70d8ead6ced550b4d987d7c03fcdd1d.ssl.cf3.rackcdn.com/cms/guidance_docs/pdfs/000/000/233/original/Scoring-Introduction.pdf
  5. ^ [5] 651 aziende in tutto il mondo hanno un SBT approvato, e 481 di loro hanno un obiettivo approvato in linea con le riduzioni necessarie per limitare il riscaldamento a 1,5°C (fonte: https://sciencebasedtargets.org/companies-taking-action, dati al 15 aprile 2021).
  6. ^ [6] Attraverso la selezione climatica e l’analisi ESG
  7. ^ [7] Emissioni di carbonio per milione di euro investito in portafoglio
  8. ^ [8] Emissioni di carbonio per milione di euro di fatturato delle società in portafoglio

Il presente documento è ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati.

Il presente documento ha finalità informative e non è diretto a investitori al dettaglio né alle “US Person” così come definite nel U.S. «Regulation S» della Securities and Exchange Commission.  Esso non costituisce in alcun modo, né deve essere inteso come, una raccomandazione di investimento, un’offerta di acquisto o vendita di strumenti finanziari, una proposta contrattuale o un documento promozionale e pertanto ne è vietata qualsiasi diffusione al pubblico. Il presente documento non può essere utilizzato per lo svolgimento di attività pubblicitaria. Eventuali dati riferiti a performance passate non sono un indicatore attendibile di performance attuali o future. Le informazioni contenute nel presente documento sono ritenute accurate alla data della sua redazione e possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso. Leggere attentamente il Prospetto ed il KIID. Qualunque riproduzione, totale o parziale, del presente documento richiede la preventiva autorizzazione scritta di CPR AM.

File allegato
download.success
Unfortunately, it seems that we had a small technical problem. Can you try your luck again?
A proposito di Amundi

A proposito di Amundi

Primo asset manager europeo fra i primi 10 operatori a livello mondiale[1], Amundi propone ai suoi 100 milioni di clienti - privati, istituzionali e corporate - una gamma completa di soluzioni di risparmio e di investimento in gestione attiva e passiva, in asset tradizionali o reali.

Grazie alle sei piattaforme di gestione internazionali[2], alle capacità di ricerca finanziaria ed extra-finanziaria ed all’impegno di lunga data nell’investimento responsabile, Amundi è un nome di riferimento nel settore dell’asset management.

I clienti di Amundi possono contare sulle competenze e sulla consulenza di 4.800 professionisti in oltre 35 paesi. Controllata del gruppo Crédit Agricole, Amundi è quotata in Borsa e gestisce oggi AUM per quasi 1.800 miliardi di euro[3].

Amundi, un partner di fiducia che lavora ogni giorno nell’interesse dei suoi clienti e della società

www.amundi.com

Footnotes

 

  1. ^ [1] Fonte: IPE “Top 500 Asset Managers” pubblicato a giugno 2021, sulla base delle masse in gestione al 31/12/2020
  2. ^ [2] Boston, Dublino, Londra, Milano, Parigi e Tokyo
  3. ^ [3] Dati Amundi al 30/06/2021

Una domanda specifica? Una curiosità? Contattaci!

Siti web amundi