Amundi ETF supera i 50 miliardi di masse gestite e raddoppia la raccolta nel 2019

Amundi ETF supera i 50 miliardi di masse gestite e raddoppia la raccolta nel 2019

03/02/20,  da Amundi

Amundi ETF ha superato la soglia dei 50 miliardi di euro nel 2019 e ha chiuso l'anno con un patrimonio gestito (AUM) pari 55 miliardi di euro.

 

  • Amundi ETF supera la soglia dei 50 miliardi di euro, chiudendo il 2019 con un patrimonio gestito (AUM) di 55 miliardi di euro
  • Tasso di crescita superiore al mercato europeo degli ETF sugli ultimi tre anni
  • 8 miliardi di euro di raccolta netta nel 2019, più che raddoppiata rispetto al 2018
  • Amundi Prime ETF, la gamma di ETF core più competitiva in Europa, raggiunge 1 miliardo di euro di masse in gestione

Milano, 03/02/2020 - Amundi ETF ha superato la soglia dei 50 miliardi di euro nel 2019 e ha chiuso l'anno con un patrimonio gestito (AUM) pari 55 miliardi di euro[1].

In un mercato europeo degli ETF caratterizzato da una crescita sostenuta negli ultimi tre anni, Amundi ETF è cresciuto più velocemente del mercato ed ha conseguito la maggiore crescita tra i primi 5 emittenti di ETF in Europa[2] sul periodo.

La raccolta netta di 8 miliardi di euro è più che raddoppiata rispetto all'anno precedente1. Questi forti afflussi hanno permesso ad Amundi di mantenere la sua posizione tra i principali emittenti nel mercato europeo degli ETF, classificandosi al 4° posto per raccolta netta2 nel 2019 e rafforzando la sua quota di mercato in termini di masse gestite.

In un contesto caratterizzato da dinamiche mutevoli, i flussi verso la gamma ETF di Amundi sono stati ben diversificati su varie asset class. L'offerta di ETF di Amundi si è quindi dimostrata particolarmente adatta a rispondere sia alle sfide strategiche di lungo termine degli investitori sia a quelle più tattiche.

Un fattore chiave del successo di Amundi nel 2019 è stata la capacità di soddisfare le varie esigenze dei propri clienti, da quelli istituzionali ai fund manager, nonché di rispondere alla crescente domanda di soluzioni in ETF per il segmento della distribuzione. In termini di copertura geografica, la piattaforma ha continuato ad accelerare la propria presenza in Europa, come anche in Asia e America Latina, nelle quali i prodotti UCITS di Amundi ETF sono sempre più richiesti dagli investitori.

Fannie Wurtz, Head of Amundi ETF, Indexing and Smart Beta, ha dichiarato: “In un contesto di mercato estremamente dinamico, questi risultati positivi dimostrano la fiducia che gli investitori continuano a nutrire nei confronti di Amundi ETF e confermano la nostra posizione di emittente leader di ETF. Il nostro è un impegno di lungo periodo nell’offrire ai nostri clienti una gamma ampia di ETF, competitiva in termini di costi e innovativa, siano essi clienti istituzionali o distributori”.

Innovazione ed efficienza dei costi al centro dello sviluppo dei prodotti:

Con l'innovazione e la competitività dei costi nel proprio DNA, Amundi ha ulteriormente ampliato la propria gamma di ETF nel 2019, per consentire agli investitori di affrontare diverse condizioni di mercato accedendo a molteplici asset class, settori e temi di investimento.

Tra i lanci di maggior successo:

  • Amundi Prime ETF: la gamma di ETF core più competitiva in Europa[3] che offre sia esposizioni azionarie che obbligazionarie. La gamma ha superato 1 miliardo di euro di masse gestite (AUM)[4], dimostrando la sua efficacia nel rispondere alla domanda degli investitori di strumenti di investimento economici, semplici e trasparenti.
  • ETF SRI e Low Carbon: Amundi ha continuato ad ampliare la gamma di ETF SRI e Low Carbon che ora comprende sette ETF azionari e a reddito fisso che replicano gli indici MSCI SRI e Bloomberg Barclays e un ETF Low Carbon. Questi ETF hanno generato una raccolta netta di oltre 1,2 miliardi di euro nel 2019, pari al 15% degli afflussi dell'anno[5].
  •  

Footnotes

 

  1. ^ [1] Fonte: Amundi ETF a fine 2019 – esclusi i dati relative alle joint venture
  2. ^ [2] Fonte : ETFGI Global ETF and ETP industry insights, dicembre 2016 - dicembre 2019
  3. ^ [3] Fonte Amundi: confronto basato sulle spese correnti (ongoing charges) di ETF “core” equivalenti disponibili in Europa. Fonte dati Bloomberg al 31/12/2019. Importante: alcuni singoli Fondi possono non essere meno cari dei loro omologhi a livello europeo o possono non avere un omologo con il quale effettuare un confronto. L’analisi esclude commissioni/costi sostenuti direttamente dagli investitori in sede di della negoziazione del Fondo.
  4. ^ [4] Fonte: Amundi ETF al 15/01/2020
  5. ^ [5] Fonte: Amundi ETF al 31/12/2019

Il presente documento è rivolto esclusivamente ai giornalisti e agli operatori qualificati dei media.

Il presente documento non rappresenta un’offerta a comprare né una sollecitazione a vendere. Esso non è rivolto a investitori al dettaglio né ad alcuna «U.S. Person» come definita nel Securities Act of 1933 e nel Prospetto.

Le informazioni contenute nel presente documento sono ritenute accurate alla data della sua redazione e possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso. Si raccomanda la lettura della relazione di gestione o della relazione semestrale più recenti per maggiori informazioni sulla politica di investimento concretamente posta in essere.

Leggere attentamente il KIID e il Prospetto, disponibili sul sito internet www.amundietf.com o su richiesta, presso la società di gestione.

Il presente documento non può altresì essere utilizzato per lo svolgimento di attività pubblicitaria.

L'investimento nei Fondi comporta un sostanziale grado di rischio (i rischi sono descritti nel KIID e nel Prospetto). I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri e non vi è garanzia di ottenere uguali rendimenti per il futuro.

La politica di trasparenza e le informazioni sulla composizione del patrimonio dei Fondi sono disponibili su amundietf.it. Il valore patrimoniale netto indicativo è pubblicato dalle Borse. Le quote acquistate sul mercato secondario di solito non possono essere rivendute direttamente ai Fondi.

In caso di negoziazione di ETF potrebbero essere addebitati costi di transazione e commissioni.

Informazioni aggiornate a gennaio 2020.

Amundi ETF rappresenta l’attività in ETF di Amundi Asset Management.

Il presente documento non può essere riprodotto, distribuito a terzi o pubblicato, in tutto o in parte, senza la preventiva autorizzazione scritta di Amundi.

 

Pioniere nel mercato europeo degli ETF, Amundi ETF è tra i maggiori fornitori di ETF europei, con oltre € 55 miliardi di asset under management*. Amundi ETF offre agli investitori una gamma di oltre 130 ETF caratterizzati da innovazione continua e prezzi competitivi.

Team dedicati sono presenti in undici paesi europei e possono contare su un ampio network di “Authorised Participants” (più di 65 market maker).

*Fonte: Amundi ETF a dicembre 2019

A proposito di Amundi

A proposito di Amundi

Primo asset manager europeo fra i primi 10 operatori a livello mondiale[1], Amundi propone ai suoi 100 milioni di clienti - privati, istituzionali e corporate - una gamma completa di soluzioni di risparmio e di investimento in gestione attiva e passiva, in asset tradizionali o reali.

Grazie alle sei piattaforme di gestione internazionali[2], alle capacità di ricerca finanziaria ed extra-finanziaria ed all’impegno di lunga data nell’investimento responsabile, Amundi è un nome di riferimento nel settore dell’asset management.

I clienti di Amundi possono contare sulle competenze e sulla consulenza di 4.500 professionisti in circa 40 paesi. Società fondata nel 2010 e quotata in Borsa alla fine del 2015, Amundi gestisce oggi AUM per 1.500 miliardi di euro[3].

Footnotes

 

  1. ^ Fonte: IPE “Top 400 asset managers” pubblicato a giugno 2019, sulla base delle masse in gestione al 31/12/2018
  2. ^ Boston, Dublino, Londra, Milano, Parigi e Tokyo
  3. ^ Dati Amundi al 31/03/2020

Una domanda specifica? Una curiosità? Contattaci!

Siti web amundi