Amundi lancia la sua prima strategia di Social Bond

Amundi lancia la sua prima strategia di Social Bond

Milano, Italia,

Ampliata la propria offerta di investimenti responsabili nel reddito fisso sostenendo al tempo stesso lo sviluppo del nascente mercato dei social bond

Milano, 11 gennaio 2021 - Amundi, il primo asset manager europeo[1], annuncia il lancio della sua prima strategia di Social Bond. Questa soluzione innovativa sarà tra le poche disponibili nel mercato ad offrire un'elevata esposizione ai social bond[2] (minimo 75% degli asset) e un universo d’investimento globale.

Le emissioni di social bond sono triplicate nel 2020 rispetto all'anno precedente[3]. Gran parte dei nuovi volumi proviene da emissioni legate alla pandemia, con emittenti che utilizzano lo strumento dei social bond come veicolo utile a soddisfare le proprie esigenze di finanziamento. Ad esempio, il 20 ottobre l'UE ha emesso 17 miliardi di euro in social bond per supportare il finanziamento dei programmi degli stati membri dedicati al sostegno dell'occupazione durante la pandemia di Covid-19. Amundi ritiene che questo sia l'inizio della traiettoria del mercato, sulla scia di quanto avvenuto per i green bond.

In questo contesto, Amundi si impegna a supportare lo sviluppo di questo nuovo segmento del reddito fisso sostenibile, dopo aver sostenuto l'espansione dei green bond nei mercati emergenti[4] e al di là dei puri strumenti investment grade. I social bond mirano ad offrire agli investitori una prima opportunità di integrare il pilastro sociale della sfera ESG nelle loro pratiche di investimento. Non rappresentano solo un meccanismo efficace per il finanziamento di progetti sociali, ma riteniamo che offrano agli investitori anche un’ottima piattaforma per interagire con gli emittenti e aumentare le loro attività in prodotti e servizi ad impatto sociale.

La strategia è gestita dal team Alpha Fixed Income di Amundi, che beneficia di un solido track record nella gestione di strategie di reddito fisso euro e globale, nonché dell'esperienza nell'integrazione ESG per conto dei maggiori investitori globali.

Approccio d’investimento

La strategia investirà principalmente in social bond, in linea con i Principi dei Social Bond (SBP) dell'International Capital Markets Association, i cui proventi saranno utilizzati per progetti conformi alle categorie di progetti SBP. Inoltre, Amundi cercherà di espandere l'universo di investimento includendo bond tradizionali emessi da enti sovrani e società accuratamente selezionate per le loro solide pratiche sociali. Il portafoglio può inoltre includere strumenti innovativi come bond legati alla sostenibilità con obiettivi sociali.

Tramite rigorosi screening e analisi dei social bond, cerchiamo di assicurare la qualità sia a livello di emittente che di emissione. La maggior parte degli emittenti di social bond sono attualmente enti sovrani, sovranazionali e agenzie, come avvenne nella fase iniziale del mercato dei green bond. Tuttavia, poiché Amundi ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo e la diversificazione del mercato nei prossimi anni, la sua strategia di Social Bond investirà in svariati emittenti di diversi settori. La soluzione, con il suo universo di investimento globale, mira a beneficiare della tendenza del mercato dei social bond a diversificarsi rispetto all'attuale concentrazione europea.

Isabelle Vic-Philippe, Head of Euro Aggregate, sarà il Lead Portfolio Manager della strategia, con Alban de Faÿ, Head of Fixed Income Socially Responsible Investing (SRI) Process, e Dany da Fonseca, Fixed Income Euro Investment Grade (IG) Credit, in qualità di co-portfolio manager.

Il team di gestione sarà supportato dal team ESG di Amundi, composto da 23 esperti (analisti, voting team e data team). Il collaudato processo di analisi ESG di Amundi sarà completamente integrato nell'approccio di investimento della strategia in Social Bond, grazie ad una continua collaborazione dei team ESG e Fixed Income. Gli esperti di Amundi valuteranno l'impatto dei social bond detenuti a fine anno e pubblicheranno un rapporto annuale sugli impatti.

Commentando il lancio della strategia Eric Brard, Head of Fixed Income di Amundi, ha dichiarato: “Nel contesto dell'attuale crisi economica e sanitaria, riteniamo che gli investitori siano sempre più alla ricerca di soluzioni innovative in grado di generare risultati positivi per la società nel suo insieme. Essendo il segmento in più rapida crescita del mercato del reddito fisso sostenibile del 2020, i social bond stanno emergendo come uno strumento finanziario appropriato per cercare di cogliere le opportunità di finanziamento dei progetti con un'agenda sociale, senza rinunciare ai rendimenti.”

 

 

  1. ^ [1] Fonte: IPE “Top 500 Asset Managers” pubblicato a giugno 2020, sulla base delle masse in gestione al 31/12/2019
  2. ^ [2] I social bond sono strumenti a reddito fisso cd. “use-of-proceeds” emessi con la finalità di finanziare progetti volti a mitigare le questioni sociali e/o a generare risultati sociali positivi. La loro emissione è regolata dai Social Bond Principles (SBP) dell'ICMA che ha definito una serie di componenti necessarie per considerare un bond come "sociale". Aumentando la disponibilità di social bond per gli investitori in tutto il mondo, è possibile mobilitare ulteriore capitale privato per alleviare le principali sfide sociali, come l'accesso ai servizi essenziali e la sicurezza alimentare, contribuendo in tal modo al potenziale raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG).
  3. ^ [3]Analisi Amundi, database Bloomberg dei social bond "use-of-proceeds" a fine settembre 2020
  4. ^ [4] Nel 2019, Amundi ha collaborato con IFC, appartenente alla Banca Mondiale, per lanciare il più grande fondo di green bond focalizzato sui mercati emergenti, l'Amundi Planet Emerging Green One (EGO). Clicca qui per maggiori informazioni.

Il presente documento è rivolto esclusivamente ai giornalisti e agli operatori qualificati dei media e non costituisce in alcun modo, né deve essere inteso come, una raccomandazione di investimento, un’offerta di acquisto o vendita di strumenti finanziari, una proposta contrattuale o un documento promozionale e pertanto ne è vietata qualsiasi diffusione al pubblico. Qualunque riproduzione, totale o parziale, del presente documento richiede la preventiva autorizzazione scritta di Amundi. Il presente documento non può altresì essere utilizzato per lo svolgimento di attività pubblicitaria. Si declina qualsiasi responsabilità in caso di qualsivoglia perdita, diretta o indiretta, derivante dall’affidamento alle opinioni o dall’uso delle informazioni ivi contenute. Il presente documento non è rivolto ai cittadini o residenti degli Stati Uniti d’America o a qualsiasi «U.S. Person» come definita nel SEC Regulation S ai sensi del US Securities Act of 1933.

Le informazioni contenute sono ritenute accurate a gennaio 2021. Le opinioni espresse riflettono il giudizio di Amundi Asset Management al momento della redazione e possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

File allegato
download.success
Unfortunately, it seems that we had a small technical problem. Can you try your luck again?
A proposito di Amundi

A proposito di Amundi

Primo asset manager europeo fra i primi 10 operatori a livello mondiale[1], Amundi propone ai suoi 100 milioni di clienti - privati, istituzionali e corporate - una gamma completa di soluzioni di risparmio e di investimento in gestione attiva e passiva, in asset tradizionali o reali.

Grazie alle sei piattaforme di gestione internazionali[2], alle capacità di ricerca finanziaria ed extra-finanziaria ed all’impegno di lunga data nell’investimento responsabile, Amundi è un nome di riferimento nel settore dell’asset management.

I clienti di Amundi possono contare sulle competenze e sulla consulenza di 4.500 professionisti in circa 40 paesi. Società fondata nel 2010 e quotata in Borsa alla fine del 2015, Amundi gestisce oggi AUM per oltre 1.650 miliardi di euro[3].

Footnotes

 

  1. ^ Fonte: IPE “Top 500 asset managers” pubblicato a giugno 2020, sulla base delle masse in gestione al 31/12/2019
  2. ^ Boston, Dublino, Londra, Milano, Parigi e Tokyo
  3. ^ Dati Amundi al 30/09/2020

Una domanda specifica? Una curiosità? Contattaci!

Siti web amundi