Il Covid-19 ha reso “l’anti-fragilità” la preoccupazione più importante per il settore pensionistico europeo

Il Covid-19 ha reso “l’anti-fragilità” la preoccupazione più importante per il settore pensionistico europeo

Milano, Italia,

  • Con l'economia globale alle prese con così tanta incertezza e il crollo dei funding ratio[1] a livello mondiale, contrastare la fragilità è diventato fondamentale per i piani pensionistici europei
  • I piani pensionistici si indirizzeranno verso i mercati privati per conseguire nei portafogli una resilienza su misura e verso le azioni globali per colmare il deficit di finanziamento
  • “Il fratello minore” a lungo ignorato in ambito ESG, ossia il fattore ‘S’, ha assunto valore poiché il Covid-19 rende evidente lo sfruttamento dei lavoratori che svolgono mansioni in prima linea

Milano, 30 novembre 2020 - Con l'economia globale tormentata da tanta incertezza, coloro che gestiscono soluzioni pensionistiche si ritrovano in un viaggio verso l'ignoto. Di conseguenza, i piani pensionistici adesso premiano più di ogni altra cosa la resilienza del portafoglio, come viene evidenziato dal nuovo rapporto 2020 “Creating resilient pension portfolios post Covid-19” pubblicato oggi da CREATE-Research e dal primo asset manager europeo, Amundi.

Lo studio si basa su un sondaggio effettuato su 158 intervistati in rappresentanza di 17 mercati pensionistici sia pubblici che privati, con 1.960 miliardi di euro complessivi in gestione. La ricerca si prefigge di fare chiarezza su come i piani pensionistici in tutto il mondo stiano reagendo mentre l'economia mondiale lotta per riprendersi da quello che è l'equivalente economico di un gravissimo infarto.

Il Covid-19 ha pesantemente danneggiato le finanze delle soluzioni pensionistiche, ci aspettano una ripresa irregolare e il ritorno dell'inflazione

La risposta straordinaria in termini di politica monetaria da parte delle banche centrali e dei loro governi è stata tempestiva e indispensabile. Ma ha anche provocato degli effetti collaterali molto dannosi per la solvibilità dei piani pensionistici attraverso il gonfiarsi delle passività e la caduta a picco dei rendimenti forniti dagli attivi, dovuta all’azzeramento dei tassi di interesse. Insieme al crollo del mercato nel marzo 2020, questi elementi hanno danneggiato i funding ratio a livello mondiale.

Secondo l'85% degli intervistati, i mercati finanziari avranno una ripresa a forma di W o a fisarmonica: entrambi gli scenari sono molto volatili per natura. La maggior parte degli intervistati ha dichiarato di ritenere probabile che le banche centrali perderanno l'indipendenza dai loro governi (84%) e che l'inflazione seguirà la deflazione dopo la fine della crisi attuale (77%). Infine, la stragrande maggioranza degli intervistati ritiene che i rendimenti degli asset saranno inferiori in questo decennio rispetto a quelli precedenti (90%).

Il Professor Amin Rajan di CREATE-Research, che ha guidato il progetto, ha detto: "Valutare il danno sul piano macroeconomico del Covid-19 è come guardare attraverso un caleidoscopio: ad ogni giro del quadrante appaiono immagini diverse. Comunque una cosa è certa: più a lungo durerà la pandemia, maggiore sarà il danno economico per i piani pensionistici”.

Investire si riduce adesso ad un unico imperativo: contrastare la fragilità

L'asset allocation avrà due ulteriori pilastri: liquidità e resilienza.

In quest'epoca di accresciuta incertezza e volatilità, gli investimenti devono avere un orizzonte di lungo periodo, come sottolineato da tre quarti (76%) dei nostri intervistati.

Il 75% degli intervistati si rivolgerà ai mercati privati per conseguire una resilienza su misura, mentre tra le azioni globali quelle delle aziende con cash flow elevati che vengono reinvestiti in azienda (cd. compounder) saranno in cima alle scelte di asset allocation per il 76% degli intervistati alla ricerca di strumenti per rendere meno fragili i loro portafogli.

Oltre la metà (58%) si rivolgerà all'investimento tematico per la sua resilienza intrinseca grazie ai temi secolari. Un fondo pensione britannico ha indicato alcuni ambiti specifici. Il primo è la demografia, con focus sull'assistenza sanitaria e sull'urbanizzazione. Il secondo è la tecnologia, incentrata sull'intelligenza artificiale, sulle reti 5G e sul cloud computing. Il terzo è l'ESG, con focus sulle energie rinnovabili, sulle prassi in ambito lavorativo e sulla corporate governance.

Poiché ci si aspetta che le obbligazioni sovrane producano rendimenti minimi, gli strumenti di risk management faranno ampiamente affidamento su altri mezzi. La pianificazione di uno scenario più ampio sarà l'approccio preferenziale che sarà utilizzato dai piani pensionistici per gestire il rischio nei portafogli durante il prossimo decennio (61%), mentre quasi due terzi degli intervistati (57%) faranno affidamento principalmente sulla gestione della liquidità. La diversificazione rimarrà un forte caposaldo negli investimenti, che si tratti di asset class (55%) o di fattori di rischio (54%).

Pascal Blanqué, Group Chief Investment Officer di Amundi, sottolinea: "Il Covid-19 ha costretto governi e banche centrali a lanciarsi in una risposta di politica monetaria ‘whatever it takes’ come in tempo di guerra. Gli impatti nel lungo periodo sui mercati finanziari diventeranno evidenti solo a posteriori. Di fronte a una tale incertezza, la resilienza del portafoglio e l'anti-fragilità saranno la nuova stella polare per coloro che gestiscono soluzioni pensionistiche."

I piani pensionistici favoriranno le azioni globali per la crescita del capitale

Per la generazione di reddito saranno privilegiate cinque classi di attivi: infrastrutture (58%), obbligazioni US Investment Grade (44%), obbligazioni Investment Grade dei mercati emergenti (41%), private debt (38%) e Investment Grade europeo (36%). Le infrastrutture in particolare beneficeranno di incentivi fiscali su larga scala con una particolare attenzione alle energie rinnovabili e al miglioramento delle dinamiche di costo. Un intervistato ha aggiunto che “con la loro intrinseca resilienza, le infrastrutture saranno il più grande vincitore di questa crisi”.

Per quanto riguarda la protezione dall'inflazione, l’azionario e le infrastrutture saranno nuovamente favoriti; materie prime e debito immobiliare lo saranno molto meno con solo, rispettivamente, il 4% e il 29%.

Le obbligazioni sovrane saranno preferite da una piccola minoranza (18% per i titoli di Stato Usa e 17% per i titoli di Stato dei mercati emergenti) e solo quelle con buoni funding ratio che consentono un elevato grado di gestione dei rischi del portafoglio.

I fondi ESG passeranno dall’essere un indicatore virtuoso a essere un indicatore di valore

La pandemia ha dato agli investitori un vero assaggio di come gli shock fisici possano devastare i portafogli. In questo contesto, gli investimenti ESG si sono dimostrati resilienti, fornendo al contempo dei buoni rendimenti corretti per il rischio.

Il crollo del mercato nel mese di marzo è stato un vero e proprio test per capire se l’investimento ESG sia o meno solo un “lusso” del mercato toro che manca di resilienza nei momenti in cui si verificano grandi perdite. I risultati del nostro sondaggio dimostrano il contrario. Per la maggior parte dei nostri intervistati, i loro fondi ESG hanno ottenuto risultati migliori del resto del portafoglio (52%) o di pari misura (45%).

Inoltre “il fratello minore” a lungo ignorato in ambito ESG, ossia il fattore ‘S’, ha assunto valore poiché il Covid-19 ha reso evidenti salari bassi, lavori precari e sfruttamento dei lavoratori che svolgono mansioni in prima linea, in particolare nel commercio al dettaglio, nei trasporti e nel settore medico.

Secondo un altro partecipante all'indagine "le imprese si stanno rendendo conto di aver bisogno di una licenza sociale per operare. Le vecchie modalità adesso sono inaccettabili per i loro clienti."

Con queste considerazioni di natura sociale che vengono alla ribalta, la componente ’S' dell’acronimo ESG in futuro sarà più importante poiché i riflettori sono puntati su come le aziende globali gestiscono in particolare le loro catene di approvvigionamento. Quindi, rispetto al nostro sondaggio del 2018, l’importanza relativa del fattore sociale (30%) ora è aumentata e quella dei fattori ambientali (41%) e di governance (29%) è in qualche modo diminuita.

Footnotes

 

  1. ^ [1] Definizione di funding ratio: rapporto tra le attività e le passività di una soluzione pensionistica o di una rendita. Un rapporto superiore a 1 indica che la soluzione pensionistica è in grado di far fronte a tutti i pagamenti che è tenuta a onorare. Un rapporto inferiore a 1 indica o che non è in grado di far fronte agli impegni assunti o che è a rischio la capacità di farlo.

Il presente documento è rivolto esclusivamente ai giornalisti e agli operatori qualificati dei media e non costituisce in alcun modo, né deve essere inteso come, una raccomandazione di investimento, un’offerta di acquisto o vendita di strumenti finanziari, una proposta contrattuale o un documento promozionale e pertanto ne è vietata qualsiasi diffusione al pubblico. Qualunque riproduzione, totale o parziale, del presente documento richiede la preventiva autorizzazione scritta di Amundi. Il presente documento non può altresì essere utilizzato per lo svolgimento di attività pubblicitaria. Si declina qualsiasi responsabilità in caso di qualsivoglia perdita, diretta o indiretta, derivante dall’affidamento alle opinioni o dall’uso delle informazioni ivi contenute. Il presente documento non è rivolto ai cittadini o residenti degli Stati Uniti d’America o a qualsiasi «U.S. Person» come definita nel SEC Regulation S ai sensi del US Securities Act of 1933.

Le informazioni contenute sono ritenute accurate al 30 novembre 2020. Le opinioni espresse riflettono il giudizio di CREATE-Research e Amundi Asset Management al momento della redazione e possono essere modificate in qualsiasi momento senza preavviso.

A proposito di Amundi

A proposito di Amundi

Primo asset manager europeo fra i primi 10 operatori a livello mondiale[1], Amundi propone ai suoi 100 milioni di clienti - privati, istituzionali e corporate - una gamma completa di soluzioni di risparmio e di investimento in gestione attiva e passiva, in asset tradizionali o reali.

Grazie alle sei piattaforme di gestione internazionali[2], alle capacità di ricerca finanziaria ed extra-finanziaria ed all’impegno di lunga data nell’investimento responsabile, Amundi è un nome di riferimento nel settore dell’asset management.

I clienti di Amundi possono contare sulle competenze e sulla consulenza di 4.500 professionisti in circa 40 paesi. Società fondata nel 2010 e quotata in Borsa alla fine del 2015, Amundi gestisce oggi AUM per oltre 1.650 miliardi di euro[3].

Footnotes

 

  1. ^ Fonte: IPE “Top 500 asset managers” pubblicato a giugno 2020, sulla base delle masse in gestione al 31/12/2019
  2. ^ Boston, Dublino, Londra, Milano, Parigi e Tokyo
  3. ^ Dati Amundi al 30/09/2020

Una domanda specifica? Una curiosità? Contattaci!

Siti web amundi